Cultura

Il patrimonio artistico e culturale della Val di Magra

La Val di Magra � come un’orchestra dove tutti gli strumenti culturali hanno una loro personalit� distinta ma allo stesso tempo suonano all’unisono in una splendida armonia. Infatti, la valle, seppur divisa tra due regioni, riesce a mantenere sia i valori municipali sia quelli che coinvolgono tutta la vallata. I castelli, per esempio, rappresentano un importante elemento unificante di tutta la valle. Questa � infatti “la terra dei cento castelli”.

In ogni centro si possono visitare questi monumenti che conservano ancor oggi gli antichi arredi e spesso ospitano famosissimi musei o interessanti eventi culturali. Tra questi si distinguono la fortezza quattrocentesca di Sarzana, la Brunella di Aulla, le roccaforti e i centri storici millenari di Arcola, di Trebbiano. Per non dimenticare il borgo di epoca bizantina di Filetto o ancor pi� sorprendente il centro a pianta ellittica di Ortonovo.

Come in ogni parte d’Italia il numero delle chiese di rilievo artistico � enorme: si trovano dalle architetture romaniche a quelle barocche che racchiudono capolavori di grande importanza storica. La cattedrale di Sarzana, per esempio, non si pu� mancare perch� racchiude tra i suoi tesori vari dipinti del Fiasella e la reliquia del Preziosissimo Sangue. Da non dimenticare, poi, la chiesa di Santa Maria Maddalena di Castelnuovo Magra con i suoi affreschi del Fiasella e la famosissima Crocifissione di Brughel il giovane.

Molto caratteristica la chiesa di Santo Stefano Magra che presenta una pianta concentrica con sei cappelle in pieno stile barocco genovese con stucchi e interni di pregevole fattura. In una terra cos� ricca di cultura e tradizioni non possono mancare musei di grande prestigio. Il pi� caratteristico � sicuramente il museo del castello del Pignaro a Pontremoli, dove sono conservate le statue stele della Lunigiana, antico simbolo della Val di Magra.

Passando da Ortonovo � d’obbligo una visita al museo degli scavi di Luni, antica roccaforte della zona durante l’epoca romana. Qui si possono ammirare i resti dell’anfiteatro, di una serie di edifici pubblici, del tempio e un buon numero di mosaici del tempo. Non mancano poi i vari musei sulla cultura locale come il museo del territorio di Casola oppure il museo etnografico della Lunigiana che si sviluppa in alcuni mulini nei pressi di Villafranca.

Visit Us On TwitterVisit Us On FacebookVisit Us On PinterestVisit Us On Youtube